Menu

11/09/2019

Ricerca: siti web salute mentale in Europa condividono dati degli utenti agli inserzionisti

Una ricerca di una associazione di difesa dei diritti alla privacy ha svelato  come  i siti web di salute mentale più popolari nell’UE condividono i dati personali sensibili degli utenti con gli inserzionisti.

Agli europei che si collegano online per cercare supporto in materia di salute mentale, vengono tracciati i dati sanitari sensibili e trasmessi a terzi, secondo i risultati di Privacy International – compresi i siti web sulla depressione che trasmettono le risposte e i risultati dei test di controllo direttamente a terzi per scopi pubblicitari.

L’associazione ha utilizzato lo strumento open source Webxray per analizzare le abitudini di raccolta dati di 136 pagine web sulla salute mentale popolare in Francia, Germania e Regno Unito, oltre a guardare un piccolo sottoinsieme di test di depressione online (i primi tre risultati di ricerca di Google per la frase per paese).

Ha compilato i suoi risultati in un rapporto chiamato Your mental health for sale.

“Questa ricerca mostra anche che alcuni siti web di salute mentale trattano i dati personali dei loro visitatori come una merce, senza rispettare gli obblighi previsti dalle leggi europee sulla protezione dei dati e sulla privacy“.

Il regolamento generale europeo sulla protezione dei dati (GDPR) prevede norme rigorose che disciplinano il trattamento dei dati sanitari, classificati come dati personali di categoria speciale.

Se il consenso viene utilizzato come base giuridica per raccogliere questo tipo di dati, lo standard che deve essere ottenuto dall’utente è il consenso “esplicito”.

 

I dati della ricerca

  • il 76,04% delle pagine web sulla salute mentale conteneva tracker di terze parti per scopi di marketing
  • I Google tracker sono quasi impossibili da evitare, con l’87,8% delle pagine web in Francia con un Google tracker, l’84,09% in Germania e il 92,16% nel Regno Unito.
  • Facebook è il secondo tracker più comune dopo Google, con il 48,78% di tutte le pagine web francesi analizzate condividendo i dati con Facebook, il 22,73% per la Germania e il 49,22% per il Regno Unito.
  • Amazon Marketing Services è stato utilizzato anche da molte delle pagine web analizzate (24,39% delle pagine web analizzate in Francia, 13,64% in Germania e 11,76% nel Regno Unito).
  • Le pagine web relative alla depressione hanno utilizzato un gran numero di cookie di monitoraggio di terze parti che sono stati inseriti prima che gli utenti fossero in grado di esprimere (o negare) il consenso. In media, PI ha trovato che le pagine web sulla salute mentale hanno collocato 44,49 cookie in Francia, 7,82 per la Germania e 12,24 per il Regno Unito.

L’articolo completo in inglese

Torna alla pagina News