Paziente dimesso e sua morte: quando è responsabile il medico?