Detenzione penale: i diritti sono rispettati?